Skip to content

Lean Manufacturing Management

Processo lean nell’industria 4.0: ottimizzazione degli sprechi nella digitalizzazione delle imprese

Da anni si parla di industria 4.0 e processi lean in ambito produttivo con l’obiettivo di snellire la complessità delle operazioni con metodi più semplici e meno articolati e avere sistemi molto più pronti a rispondere ai tempi di un mercato sempre più rapido e frenetico. Naturalmente molti di questi processi sono stati digitalizzati per essere gestiti anche tramite l’utilizzo di terminali handheld o PC portatili.


Lean Manufacturing Management - Industria 4.0 | Sygest

L’industria 4.0 che punta alla digitalizzazione dei sistemi produttivi e di logistica viene in aiuto alla Lean Manufacturing aggiungendo nuove funzioni che aiutano a ridurre gli sprechi.

Si tratta indubbiamente di due fenomeni che sono arrivati in momenti differenti e con diversi obiettivi. Ad esempio, la Lean Manufacturing ambisce a ridurre gli spechi (i famosi 9 MUDA) mentre l’industria 4.0 punta sulla acquisizione dei dati per gestire meglio i processi. In entrambi i casi si tratta di reingegnerizzare delle attività all’interno dell’azienda con l’obiettivo di una ottimizzazione.

Guardando in particolare all’ambito delle applicazioni proposte da Sygest potremmo affermare che la “Packing List Photo” e “IUNGO” sono in effetti due esempi di processi Lean Manufacturing Management che entrano nell’ambito dell’Industria 4.0 perché puntano al miglioramento di aree legate alla logistica.

 

Packing List Photo: un Sistema di Lean Manufacturing Management

Packing List Photo snellisce il processo di creazione di una Packing List, riduce del 99% gli errori di spedizione e mette a disposizione il dato direttamente in Cloud in modo che la Dogana o il cliente finale possa già vedere il contenuto dell’imballo con le foto dei componenti tramite un QR code posto sull’imballo stesso.

Grazie alle procedure di Lean Manufacturing Management, il tutto si traduce in tempi di trasferimento molto più veloci (nessun intoppo in dogana), nella certezza di una corretta spedizione e assicurazione, verso il cliente finale, che il pezzo è partito in condizioni ottimali (senza problemi).

In fase di preparazione della Packing List, le foto vengono fatte solo al momento del bisogno, senza la necessità di fotografare anticipatamente tutto (anche il non necessario) e quindi l’archivio fotografico si riempie gradualmente in un concetto assolutamente “Lean”.

Se una foto è già stata scattata in un’altra spedizione, grazie alle logiche di Lean Manufacturing, non viene più richiesta a meno che non si voglia fare una foto specifica di quella spedizione. Anche l’acquisizione di pesi e dimensioni segue la stessa logica, ossia vengono richiesti solo se mancano dai dati provenienti dall’ERP a cui poi “ritornano” per essere disponibili la volta successiva.

Come ulteriore vantaggio si ha che i controlli vengono fatti a cascata dopo il picking, separando correttamente le fasi di prelievo da quella di spedizione garantendo che vengano spedite solo le parti corrette e non manchi nulla dall’imballo prima della partenza.

 

IUNGO: il sistema di Lean Supply Chain Management

Un’altra applicazione molto importante per la Logistica Lean, e anche per l’industria 4.0, è IUNGO, il sistema di Lean Supply Chain Management che azzera gli sprechi sia dell’ufficio acquisti dell’azienda cliente che del fornitore. IUNGO nasce da un’idea molto innovativa anticipando i tempi, ossia usare una mail tradizionale per integrare clienti e fornitori nella gestione degli ordini e delle consegne.

IUNGO è noto come strumento di integrazione degli ordini fornitori anche se in realtà grandi vantaggi si possono avere nella gestione delle “prebolle” e della documentazione di origine merce.

Con le “prebolle” il fornitore prepara il documento di spedizione ad uso di IUNGO in modo che all’arrivo della merce dal cliente, sia realizzato in automatico il caricamento a magazzino del materiale stesso. Il fornitore può anche applicare le etichette di identificazione del materiale (con bar code) secondo i criteri del cliente e in completa ottica Lean Manufacturing, in modo che al ricevimento si trova i componenti già etichettati secondo le proprie regole ed evitando perdite di tempo “inutili”.

Anche il documento di origine merce integra le informazioni di origine merce dei materiali acquistati all’interno del documento di spedizione della merce in modo da poter essere acquisiti poi dall’ERP tramite un’opportuna interfaccia e senza nessuna attività manuale, tutto grazie alle pratiche di Lean Manufacturing Management.

Il vantaggio è che l’informazione sull’origine merce arriva in modo puntuale dal fornitore assieme al materiale senza doverla poi cercare nel momento del bisogno che è quando viene preparata la Packing List Photo in cui diventa fondamentale avere questo dato da mostrare (o stampare).

Come possiamo vedere quindi la digitalizzazione dei processi di cui Industria 4.0 ne riassume il paradigma, lavora nella logica di collegare attività aziendali anche “molto distanti” fra di loro con concetti “Lean” togliendo lavoro inutile agli operatori e riducendo drasticamente i tempi di lavoro.

 

Info e contatti

Per ulteriori approfondimenti sul tema Lean Manufacturing, scrivi all’indirizzo mail e.corradini@sygest.it.

Visita il nostro sito web: www.sygest.com